Luce Pulsata

Fotoringiovanimento con luce pulsata

Si definisce fotoringiovanimento quel trattamento non invasivo del pigmento rosso o marrone della pelle. Si tratta, in particolare, di una procedura in grado di donare alla pelle una consistenza più liscia ed uniforme, così da conferirle un aspetto più giovane. Esso rappresenta una modalità efficace, ma soprattutto sicura, per migliorare i segnali di invecchiamento del viso, del torace, delle braccia, delle mani e del collo. Eseguito da un medico o da un soggetto che ha ricevuto un’adeguata formazione a tal fine, infine, si articola in più sedute con cadenza periodica.

Il ruolo svolto dagli ormoni femminili e l’azione della luce pulsata.

Gli ormoni femminili svolgono una funzione fondamentale al fine di mantenere giovane la pelle. Una volta superati i 40 anni, la produzione di questi, però, rallenta i maniera significativa e ciò porta, inevitabilmente, ad accentuare il processo dell’invecchiamento cutaneo, provocando: secchezza, rilassamento dei tratti del viso, perdita di tonicità. C’è da ricordare, però, come anche altri fattori rivestano una posizione rilevante in merito: alimentazione, luce solare, fumo, accelerano tale tipo di processo in maniera significativa.
La luce pulsata non è altro che una tecnica innovativa che consente di attivare la pelle in profondità così da stimolare la produzione di nuovo collagene e da migliorare l’aspetto generale della stessa nonché tessitura e consistenza. In questo modo, le rughe diminuiranno significativamente in modo da creare un effetto ringiovanente senza il ricorso a bisturi o ad operazioni invasive.

Vedi Anche  Il metodo di azione della luce pulsata

Luce pulsata: la tecnica del fotoringiovamento.

Il fotoringiovamento attraverso la luce pulsata risolve i problemi legati all’invecchiamento cutaneo fornendo un significativo contributo utile a mantenere giovane la pelle. Si tratta, in particolare, di un trattamento non invasivo, il quale risulta essere molto efficace sulle macchie dell’età, sui capillari del viso, sulle rughe sottili nonché sull’acne, permettendo un notevole miglioramento della consistenza cutanea e della dilatazione dei pori senza provocare alcun effetto collaterale. In verità, anzi, il trattamento in questione donerà un aspetto giovanile. Il fotoringiovanimento con luce pulsata rappresenta, inoltre, una tecnica meno invasiva della luce laser, capace comunque di agire in profondità senza arrecare danni agli strati più superficiali della pelle. Nello specifico, esso viene realizzato con una luce pulsata che crea una temperatura tanto alta da essere in grado di distruggere gli inestetismi senza intaccare i tessuti sani. Esso, infine, può avere ad oggetto anche aree diverse dal viso, come collo, mani, braccia e torace.

 

Il funzionamento della luce pulsata.

Durante un trattamento di fotoringiovanimento, la luce pulsata porta energia termica negli strati più profondi della pelle così da stimolare significativamente la produzione di collagene e di fibre elastiche. Allo stesso tempo, un sistema refrigerante provvederà a garantire che la pelle mantenga la temperatura giusta per evitare l’insorgenza di danni superficiali o di fastidiosi dolori. La luce pulsata, nello specifico, svolgerà la sua azione esclusivamente su tutte le pigmentazioni cutanee di natura benigna. ovviamente, la cute non dovrà essere abbronzata perché il raggio va a colpire la melanina: contrariamente, sarà alto il rischio di eritemi dopo il trattamento.

Vedi Anche  Le controindicazioni della epilazione a luce pulsata