Cosa fare e non fare dopo un trattamento di epilazione a luce pulsata

Il vostro dermatologo o il vostro centro estetico si preoccuperà senza alcun dubbio di informarvi su cosa potrete e cosa non potrete fare dopo un trattamento di epilazione a luce pulsata. In questo articolo proviamo comunque a darvi una prima idea degli accorgimenti che dovrete stare attenti a conservare una volta usciti dal centro in cui vi sarete sottoposte al trattamento.

Questi accorgimenti sono utili al consolidamento degli effetti della luce pulsata, per evitare insomma che vostri erronei comportamenti successivi vanifichino gli effetti realizzati dagli impulsi di luce. Non avrete certo nessuna intenzione di sprecare i non pochi soldi spesi per il trattamento! Inoltre, si farà anche in modo di conservare la naturale elasticità e idratazione della vostra pelle, per non alterarne il necessario equilibrio.

Qualche consiglio per il post-trattamento?
Subito dopo essersi sottoposti a un trattamento di epilazione a luce pulsata, è consigliabile spalmare sulla zona interessata dalla epilazione una crema idratante e protettiva: se vi doveste recare in un centro estetico o presso il vostro dermatologo, sarà probabilmente già il personale specializzato a procedere in tal senso; in caso contrario, specie in ipotesi di applicazione fai da te, potrebbe essere una buona idea pensarci da sé.

Nelle 48 ore successive al trattamento, sarà opportuno evitare qualsiasi esposizione diretta a raggi solari o raggi UVA, e non recarsi eccessivamente in sauna. Se il trattamento fosse stato eseguito su aree del corpo che sono normalmente esposte come per esempio l’avambraccio, è sempre meglio utilizzare una crema idratante e protettiva o anche una crema solare a schermo totale; questo specialmente nelle due settimane successive al trattamento, e quando ci si trova nei mesi di piena estate.

È possibile depilarsi dopo il trattamento di epilazione a luce pulsata?
Nelle pause che intercorrono tra una seduta e l’altra di epilazione a luce pulsata, è consigliabile non estirpare completamente il pelo con trattamenti del tipo dello strappo o della ceretta. Questo perché si deve garantire che il follicolo pilifero rimanga intatto: solo in questo modo il metodo della luce pulsata potrà rivelare la sua reale efficacia. Estirpare completamente il pelo, infatti, potrebbe determinare cattive conseguenze per i successivi trattamenti.

È consigliabile evitare anche lo schiarimento dei peli. È invece possibile radersi i peli superflui che dovettero essere ricresciuti: la rasatura infatti permette di mantenere intatto il follicolo pilifero, eliminando comunque la parte visibile del pelo. Nei primi giorni successivi al trattamento di epilazione a luce pulsata è comunque consigliabile evitare di radere i peli superflui nella zona direttamente interessata dal trattamento. Questo permette di velocizzare la guarigione della zona di pelle considerata.

Vi consigliamo, ove aveste deciso di approfittare di questa tipologia di trattamento di epilazione presso un centro estetico o presso un dermatologo, di parlare direttamente e senza remore con il responsabile con riguardo a cosa possiate o non possiate fare nei giorni successivi alla seduta. In questo modo vi eviterete spiacevoli conseguenze indesiderate, specie se connesse con la vostra salute.